Osservatorio sulla Comunicazione
dove incontri il presente e partecipi al futuro della comunicazione
Geografia
la Terra
i Paesi
l’Italia
i giochi
gli speciali
domande e informazioni

Antico Egitto
le dinastie
i neter

Rumi

Panoramics

Chi sono

Credits

Contacts

Geografia gli speciali
Palestina

Notizie generali

Palestina è l’antico nome di un paese del Medio Oriente situato sulla costa est del Mar Mediterraneo. Le sue dimensioni sono variate in maniera considerevole durante la sua storia e i suoi confini esatti sono tuttora oggetto di dispute territoriali.

La sua collocazione in congiunzione di snodi di traffici commerciali di tre continenti fa di essa un vero e proprio “melting pot” per influenze religiose e culturali.
Il suo territorio è stato sempre al centro di battaglie e soggetto a dominazioni, la prima delle quali fu quella dell’Antico Egitto nel terzo millennio AC.

Quando il potere dell’Impero Egizio comincio a diminuire, il Paese fu invaso ripetutamente: questa volta dagli Ebrei, tribu semitica della Mesopotamia e dai Filistei (dai queli prese poi il nome), di discendenza Indo-Europea.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
.

La Cisgiordania

Il termine West Bank – Territori Occidentali - Cisgiordania è usato per lo spazio di terra ad ovest del fiume Giordano, fra Israele e la Giordania. Il suo territorio è di circa 5900 km2 e comprende molti siti di interesse religioso per Ebrei, Cristianie Musulmani. Le maggiore città della Cisgiordania sono Hebron (in arabo El Khalil) e Nablus.

.

La striscia di Gaza

La Striscia di Gaza è una stretta striscia di deserto bagnata dal Mediterraneo. E’ lunga circa 42 km e larga circa da 6,5 a 8 km. La Striscia di Gaza è fortemente popolata con oltre il 99% di Arabi Palestinesi. La maggioranza della popolazione è composta da rifugiati da Israele che hanno vissuto sotto condizioni estremamente difficili nei campi rifugiati dal 1948.

.

Il Fiume Giordano

Il fiune Giordano (in arabo: Nahar al-Urdum; in ebreo: Iha-Yarden) è lungo 359 km e nasce dal Monte Hemron per morire nel Mar Morto. Dopo la guerra del 1967, il fiume diventò il confine fra la Giordania e Israele e i Territori occupati da Israele.
Il fiume non è tanto importante come canale navigabile ma è importantissimo per l’irrigazione e lo sfruttamento delle sue acque per la produzione di energia elettrica e per tale motivo è oggetto di continue dispute fra Israele e Giordania.

.

L'Intifada

L’Intifada è una rivolta di Arabi Palestinesi contro l’occupazione militare israeliana di territori conquistati nella guerra arabo-israeliana del 1967. Essa cominciò nel 1987 nella Striscia di Gaza e subito si diffuse anche nella Cisgiordania e a Gerusalemme Est. Consisteva nel colpire o cercare di colpire i soldati israeliani con le pietre, nell’organizzare scioperi ed in operazioni di boicotaggio. Né il Governo Israeliano, né l’OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina) erano prepararti per tale movimento.

.

Governo

Yasser Arafat è il Presidente della Autorità Nazionale Palestinese ed il comandante dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina.
Il Governo della Cisgiordania è stato diviso: una parte si applica ai cittadini Israeliani ed un’altra ai Palestinesi. Gli Israeliani sono retti dalla legge e l’autorità d’Israele mentre i Palestinesi sono governati dalla Amministrazione Civile, una burocrazia civile e militare, che prevede fra gli altri, il Ministero della Difesa Israeliano.
Gerico e l’area circostante è indipendente da questa amministrazione; essa è ora sotto l’autorità della ANP. Fino ad ora il controllo Palestinese di Gerico è stato limitato alla polizia, alla scuola e all’amministrazione della sanità. Nel resto della Cisgiordania, Israele resta responsabile della sicurezza e dell’amministrazione.
Come risultato dei processi di pace, l’Amministrazione Civile ha limitato i suoi poteri a problematiche come la sicurezza ed il benessere dei cittadini Israeliani. Secondo gli accordi siglati a Washington nel 1993, la responsabilità per l’educazione, la cultura, la sanità, il benessere sociale, la tassazione ed il turismo, dovranno essere trasferiti dal controllo Israeliano a quello Palestinese.

.

La Bandiera


Rosso:
I Khawarij furono il primo gruppo Islamico sorto dopo l’assassinio del Califfo Uthman III, e formarono il primo partito repubblicano nei pimi giorni dell’Islam. Il loro simbolo era la bandiera rossa. Le tribù arabe che parteciparono alla conquista del nord Africa e dell’Andalusia portavano la bandiera rossa, che divenne il simbolo dei dominatori islamici dell’Andalusia (756-1355). Nei tempi moderni, il rosso simboleggia l’Ashrafs di Hijaz e gli Hashemiti, discendenti del Profeta. Lo Sceicco Hussein disegnò l’odierna bandiera come la bandiera della rivolta araba del 1916. Il popolo Palestinese la innalzò come la bandiera del movimento Nazionale Arabo del 1917. Nel 1947, il partito arabo Ba’ath erisse la bandiera come il simbolo della liberazione e dell’unità della Nazione Araba. Il popolo Palestinese riadottò la bandiera alla Conferenza Palestinese di Gaza del 1948. la bandiera fu legittimata dalla Lega Aaraba come la bandiera del Popolo Palestinese. Essa fu poi adottata dall ‘OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina) alla conferenza palestinese in Gerusalemme del 1964.

Nero:
Nel Settimo secolo, con l’affermarsi dell’Islam e conseguente liberazione della Mecca, furono portate due bandiere: una bianca ed una nera. Sulla bianca era scritto “Non c’è alcun dio tranne Allah e Maometto è il Profeta di Dio”. In tempi pre-islamici, la bandiera nera era un segno di rivincita. Era il colore del copricapo indossato dai comandanti nelle battaglie.
Entrambe la bandiere erano piste nelle moschee durante le preghiere del venerdì.
La Dinastia Abbasid (750-1258), di Baghdad, scelse il nero come il simbolo del lutto per l’assassinio dei parenti del Profeta ed in ricordo della Battaglia di Karbala..

Bianco:
Gli Umayyads comandarono per novanta anni, adottando il bianco come il loro colore simbolico per ricordare la prima battaglia del Profeta a Badr, e per distinguersi dagli Abassidi, con l’uso del bianco, invece del nero, come il loro colore per il lutto.
Mu'awia Ibn Abi Sufian (661-750), fondatore dello stato di Umayyad, si proclamò Califfo di Gerusalemme.

Verde:
La Dinastia Fatimida (909-11781) fu fondata in Marocco da Abdullah Al-Mahdi, e arrivarono a comandare su tutto il Nord Africa.
Essi adottarono il verde come il loro colore per simboleggiare la loro obbedienza ad Alì, il cugino del Profeta, che una volta fu avvolto in una coperta verde al posto del Profeta per impedire un tentativo di assassinio.

.
www.popolizio.com
webmaster@popolizio.com